PROGRAMMA 2021

TEATRO
DANZA
OPERA
MUSICA
CINEMA
ARTI VISIVE
INCONTRI

2311

Enzo Cosimi & Collettivo CineticO – Dialogo secondo: Pentesilea Ultras

regia, coreografiae costumi ENZO COSIMI azione e collaborazione alla coreografia SIMONE ARGANINI, CARMINE PARISE ANGELO PEDRONI FRANCESCA PENNINI GIULIO SANTOLINI STEFANO SARDI disegno luci GIANNI STRAROPOLI

Coproduzione CollettivO CineticO, Festival Aperto / Fondazione I Teatri, Teatro Comunale di Ferrara – residenza artistica Teatro Comunale di Ferrara ERT Emilia Romagna Teatro – con il sostegno di MIBACT, Regione Emilia Romagna

CollettivO CineticO inaugura un’antologia di Dialoghi con altri autori, una chiamata ad infettarsi e a mutare, al mescolamento e allo smussamento dei propri confini. Il primo dialogo è stato un’apertura verso la danza immaginifica dell’israeliano Sharon Fridman. Ora, i corpi peculiari, sportivi e sgrammaticati di CollettivO CineticO si sposteranno nel segno coreografico di Enzo Cosimi. Un incontro desiderato da tempo tra due generazioni artistiche che si riconoscono senza coincidere. Una contaminazione a due direzioni che vuole lasciare un segno a entrambe le parti senza rinnegare le identità di origine. Una reale occasione d’incontro poetico e fisico per una riformulazione linguistica e una discussione politica sul meccanismo di creazione. Una reazione chimica tra la passionale visionarietà di Cosimi e l’ironia concettuale di CollettivO CineticO. “Pentesilea, radicale re-invenzione del mito della regina delle Amazzoni di Heinrich von Kleist, opera aliena, febbrile e iconoclasta, mi è sembrata la giusta ispirazione per un gruppo così carico di furore. Tempo fa mi ero già dedicato a questo testo con una produzione di Copenaghen Capitale della Cultura, attraverso uno sguardo arcaico e pieno di energia bacchica. Questa volta, continuando la mia esperienza recente di Agamennone, costruisco l’azione teatrale attraverso i codici del desiderio sadomasochista, con un generoso utilizzo di oggetti legati alla scena fetish. Abiti da businessman con accessori di pelle, gagging/ball, frustini che immersi in un paesaggio rarefatto e glamour diventano elementi disturbanti. Si mette in scena il senso di catastrofe liberatorio, aiutato da corpi nudi sessuati in una sorta di tenebrosa battaglia”. Enzo Cosimi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi