ARCHIVIO

TEATRO
DANZA
OPERA
MUSICA
CINEMA
ARTI VISIVE
INCONTRI

2409

Concerto su tela

Michele Rabbia – Stefano Battaglia (drums – piano)

24 SETTEMBRE 2017 
SALA DEGLI SPECCHI DEL TEATRO VALLI

In occasione dell’inaugurazione della mostra Concerti su tela Michele Rabbia e Stefano Battaglia improvvisano di fronte alla tela di Gabriele Amadori realizzata nel corso del concerto Pastorale degli stessi Rabbia & Battaglia. Concerto con music painting tenutosi il 9 novembre 2010 al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia nell’àmbito di quell’edizione del Festival Aperto.
La grande opera (8x2m.) riprende vita in quest’occasione, torna a “risuonare” – dopo la morte di Amadori nel 2015 –, a irradiarsi attraverso la performance degli stessi musicisti che la videro nascere e che sono stati fra i musicisti più assidui e in sintonia nella collaborazione con l’Artista.

Ecco la nota esplicativa dell’evento del 9 novembre 2010:Quando Battaglia e Rabbia cominciarono a lavorare in duo, il primo metodo di lavoro utilizzato fu l’improvvisazione totale. Nel corso del tempo hanno esplorato altri approcci. Durante le improvvisazioni “guidate” i ruoli degli strumenti sono spesso rovesciati: da una parte le percussioni si possono muovere verso l’elettronica trasformando la trama ritmica in melodia, dall’altra Battaglia ricorda come il pianoforte sia anche uno strumento a percussione. Un ulteriore sviluppo del metodo improvvisativo di Battaglia/Rabbia è quello di incorporare materiali derivanti dal folk, in particolare mediterraneo e arabo-andaluso, o materiali che evocano paesaggi naturali, oppure di addentrarsi nell’artificio dichiarato, quando interagiscono con lo spazio circostante, espandendolo e contraendolo con l’elettronica.L’improvvisazione si trasforma in un fatto ancora diverso se interagisce con l’azione pittorica dal vivo di Gabriele Amadori. Suono e gesto pittorico, timbri e colori, vengono a costruirsi progressivamente in un mutuo scambio di ispirazione ed energie che infine conduce all’opera pittorica finale, cresciuta sotto i nostri occhi.L’evento si riconnette storicamente alle esperienze interdisciplinari del cosiddetto teatro totale, dove apporti diversi di soggetti complementari trovano un percorso e risultati comuni.

Amadori dipinge su una grande tela di 8×2 m.

Visita il sito dell’evento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi